00 4/6/2015 3:44 PM
È sempre interessante ripercorrere i casi degli anni 50, sopratutto perché buona parte degli esseri descritti, hanno analogie molto forti con gli alieni dei fumetti di fantascienza. Venivano descritti moltissimo esseri scafandrati, tute spaziali, raggi luminosi, e a volte esseri pelosi. Queste erano caratteristiche ricorrenti, così come il contesto, per lo più di notte, e molti testimoni erano guardie e metronotte. Mai un essere simile a un grigio fu descritto, quello è a tutti gli effetti americano. Nel caso Lotti però, abbiamo due esserini con mantello e caschetto in cuoio, davvero molto ma molto simili ai fumetti. Poteva trattarsi di uno scherzo, magari ad opera di chi certi fumetti li leggeva. Se mai avessimo la certezza che ogni caso di incontri ravvicinati fu poi basato sui fumetti, ci sarebbe da aprire una discussione enorme su un fenomeno psicosociologico a tutti gli effetti, che ha enormemente condizionato la mentalità dell'epoca.