Risorse: Regolamento | Assistenza e Aiuto | Comunicazioni generali   Condividi:    
Visita il sito Ufoonline.it 
per ulteriori notizie, immagini e commenti.

Archivio + Ricerca + Opinioni + Tag + Speciali + Vostri avvistamenti 

Ricerca per anno di tutti gli articoli2010 - 2011 - 2012 - 2013 - 2014  TAG articoli archiviati sul sito:

Ufo | Marte | Scienza | Misteri | CropCircles | CoverUp | Seti | Astronomia | UfoinTv | Criptozoologia  

2012 | Sole | Interviste | Editoriali | Neo | Religione | Avvistamenti | Storia | Analisi | Luna 

Abductions | Droni | Astrobiologia | Paleoastronautica | Disastri | Complottismo | Terra


 
Print | Email Notification    
Author

Attacco alle Torri Gemelle: verso il decimo anniversario dell'11 settembre

Last Update: 10/1/2012 3:08 PM
OFFLINE
Post: 3,027
Registered in: 1/24/2009
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/10/2011 5:31 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

ricordo anch'io quel martedi di 10 anni fa. poco dopo le tre del pomeriggio, ero al lavoro, un mio collega che aveva la radio mi dice che in america è successo un casino...
poi a casa o visto alcune scene...

bellissima la testimonianza dell'astronauta dallo spazio: anche da li, l'atteggiamento misto fra paura e speranza affiorava in lui.
OFFLINE
Post: 15,152
Registered in: 9/23/2009
Gender: Male
[IMG]http://i47.tinypic.com/vgr2v7.png[/IMG]
Utente Master
9/12/2011 11:59 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

La cerimonia a Ground Zero.



Obama si commuove e dice: "Non abbiamo più paura."

Sotto il palco migliaia di persone: applausi per Bush, freddezza per Obama.

Insieme a Ground Zero. Per la prima volta. Barack Obama e George W. Bush sono fianco a fianco nel decimo anniversario dell'attacco alle Torri Gemelle. Con loro le rispettive mogli Michelle e Laura. Migliaia le persone sotto il palco. Tutto controllato dell'Intelligence, in allarme terrorismo proprio per questo giorno. Tre minuti di silenzio per ricordare gli schianti degli aerei e il crollo delle Torri. In contemporanea anche le altre cerimonie in Pennsylvenia e al Pentagono, dove poi il presidente Obama si recherà per salutare i parenti. Subito dopo il sesto silenzio della giornata Paul Simon ha cantato the Sound of Silence.
La cerimonia - Un minuto di silenzio davanti al memoriale. Poi Obama e l'ex presidente hanno scambiato alcune parole e abbracci con gli ospiti alla cerimonia, fra cui molti parenti delle quasi 3mila vittime. Grande commozione tra tutti i presenti. Si comincia alle 8:46 (ora locale), quando il primo aereo si è schiantato sulla Torre Nord. Il primo a parlare è il sindaco di New York Michael Bloomberg. «Il silenzio ci ha aiutato a riflettere». E così ancora una volta chiede «un minuto» per tutte le vittime della giornata. Poi tocca ad Obama. «Non avremo paura», è il salmo 46 della Bibbia che il presidente ha deciso di leggere. I familiari poi leggono i nomi dei loro cari che hanno perso la vita l'11 settembre. Nomi e cognomi accompagnati da messaggi di amore. «Ci manchi». Oppure: «Ti ricorderemo sempre». Tra questi anche il ricordo di Laura Angiletta, una ragazza di 23 anni morta nel crollo. «Laura ti voglio tanto bene, sarai sempre nel mio cuore», dice la madre dal palco. La commozione dilaga nella folla e non solo. Laura Bush si asciuga le lacrime. Anche Obama è toccato quando i bimbi leggono i nomi delle vittime.
George W. Bush - Poi è il turno dell'ex presidente Bush che decide di leggere una lettera di Lincoln a una madre che perse cinque figli durante la Guerra civile: «L'America non sarà mai distrutta dall'esterno. Se vacilliamo e perdiamo le nostre libertà sarà perchè ci siamo distrutti noi stessi». Mentre il sindaco Bloomberg cita una frase del Macbeth di William Shakespeare: «La causa del vostro dolore non deve essere misurata dal suo valore, perchè allora non avrebbe fine». Le persone hanno applaudito l'ex presidente, mentre per Obama c'è stata una certa freddezza. Ma poco importa, perché i veri protagonisti della giornata sono stati i parenti delle vittime.
Washington - Quasi in contemporanea una cerimonia si tiene anche a Washington, nei pressi del Pentagono, dove interverrà il vice presidente Joe Biden. Mentre in serata ci sarà un concerto al quale parteciperà Obama. Nel frattempo si ricordano anche i 40 passeggeri morti nello schianto del volo United Airlines 93, il quarto degli aerei di linea dirottati durante gli attentati. I familiari si sono radunati davanti al memoriale a Shanksville, Pennsylvania.
Le proteste - Mentre il mondo ricorda le vittime, c'è chi protesta contro gli Stati Uniti. In Pakistan decine di persone sono hanno esposto cartelli che paragonano gli americani a dei terroristi. A Londra, invece, due persone sono state arrestate dopo che un gruppo di manifestanti islamici ha bruciato le bandiere a stelle e strisce davanti all'ambasciata Usa. Poi gli scontri con English Defence League, gruppo di estrema destra. Park Lane è stata chiusa al traffico e un membro della Edl è stato arrestato.

Fonte: Corriere della sera.It
OFFLINE
Post: 14,923
Registered in: 10/16/2007
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/12/2011 2:02 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

ipotesi complottiste ....

GLI AEREI DELL'11 SETTEMBRE SUPERARONO I LORO LIMITI SOFTWARE
Di Jim Heikkila.

I Boeing 757 e 767 sono equipaggiati con la capacità di volare in maniera completamente autonoma.
Essi sono gli unici due velivoli di linea della Boeing capaci di volo completamente autonomo. Possono essere programmati per decollare, volare sino a destinazione e atterrare, tutto senza un pilota ai comandi.

Sono degli aerei intelligenti, e hanno dei limiti pre-imposti dal software in modo che errori del pilota non possano causare danni ai passeggeri. Sebbene siano fisicamente capaci di manovre ad alto "g" [cioè con forti accelerazioni, g=9.8 m/s^2 è l’accelerazione di gravità], il software nei loro sistemi di controllo di volo fa in modo che non vengano effettuate manovre ad alto g tramite i controlli dell’abitacolo. Essi sono quindi tecnicamente limitati a circa 1.5 g.

Ripeto: i Boeing 757 e 767 sono tecnicamente impossibilitati a superare 1 g e mezzo.
Ciò fa in modo che un errore del pilota non spezzi il collo alla nonna in prima classe.

E non importa ciò che vuole il pilota, non si può annullare questa caratteristica in alcun modo.

L’aereo che ha colpito il Pentagono (volo AA-77) ha invece superato di molto questi limiti tecnici.
Personale militare ha calcolato che l’aereo del Pentagono si è spinto tra i 5 e i 7 g nella sua virata finale.
La stessa cosa vale per il secondo aereo che ha colpito il WTC (volo UA-175).

C’è solo un modo in cui una cosa simile sia potuta accadere.

Così come per la completa capacità di volo autonomo, i 767 e i 757 SONO GLI UNICI AEREI DI LINEA PRODOTTI DALLA BOEING CHE POSSONO ESSERE GUIDATI TRAMITE UN CONTROLLO REMOTO.
E’ una caratteristica standard per tutti loro, tutti i 757 e i 767 possono fare ciò.
Lo scopo è che se c’è un problema ai piloti, il Norad può guidare da remoto gli aeroplani sino ad una destinazione sicura.

Solo in questa modalità di volo questi aerei possono superare i loro limiti software e volare oltre 1,5 g, perché se viene usata questa modalità di volo si presume che esista già una situazione di emergenza.
(Cercate su Google: "Raytheon Global Hawk System" per maggiori informazioni.)

In nessun altro modo sarebbe stato possibile far volare quegli aerei come hanno volato l'11 settembre 2001.

I terroristi dunque non guidarono quegli aeroplani.
E' totalmente e completamente impossibile che quegli aeroplani siano stati pilotati in una tale maniera dall'abitacolo.
Essi sono aerei di linea, non F-16, e il loro software lo sa.

Un' altra prova decisiva: le registrazioni delle voci sono state ritrovate vuote.
Le scatole nere che sono state ritrovate avevano all'interno nastri che non erano danneggiati, me erano vuoti.
C'è un solo modo per cui ciò possa accadere su di un 757 o su di un 767. Quando gli aerei sono comandati tramite il controllo remoto, i microfoni che sono collegati al registratore vocale della cabina sono re-indirizzati verso le persone che operano il controllo remoto, così che le registrazioni di ciò che avviene nella cabina vengano fatte in un posto presumibilmente più sicuro. Ma a causa di un inconveniente del sistema, su di un 757/767, il registratore vocale continua a girare anzichè spegnersi quando il microfono è re-indirizzato. I registratori vocali usano ciò che viene chiamato nastro a scorrimento continuo che automaticamente ogni mezz'ora ripassa sopra le testine di registrazione e le cancella, così che dopo mezz'ora che gira con i microfoni re-indirizzati il nastro sarà vuoto. Proprio come erano i nastri ritrovati.
Ancora un'altra prova certa che nessun pilota può aver guidato quegli aerei, almeno nell'ultima mezz'ora prima degli schianti.

Otto [in realtà ora sono tredici] dei dirottatori che ufficialmente dovevano essere su quegli aerei si sono lamentati affermando che invece essi sono ancora vivi e innocenti. Scommetto che non eravate al corrente del fatto che il nostro ministro degli esteri [l'autore intende il ministro degli esteri americano] è volato in Marocco e ha presentato delle scuse ufficiali agli accusati, lo sapevate?
No, i terroristi non hanno guidato quegli aeroplani, le storie dei coltelli di plastica e dei taglierini erano infatti troppo ridicole per essere credute. Ognuno degli altri dirottatori accusati sarà stato ormai cercato e ucciso.

L'informazione che riceviamo è controllata, filtrata e censurata.

Altra prova della falsità della storia ufficiale: le chiamate con i telefoni cellulari dagli aerei non possono essere state fatte.
E questo per ragioni tecniche ben precise.

Premetto che sono uno specialista di guerra elettronica addestrato dalla National Security Agency, e ho le qualifiche per affermare ciò. Il mio titolo ufficiale: MOS33Q10, Electronic Warfare Intercept Strategic Signal Processing/Storage Systems Specialist, [Specialista in guerra elettronica, intercettazione, elaborazione segnali strategici e sistemi di archiviazione dati], è una MOS [Military Occupational Speciality, Specializzazione in Ambito Militare] altamente qualificata che richiede una conoscenza avanzata di molti metodi di comunicazione e di circuiti sin nei minimi dettagli.
Sono dunque qualificato ad affermare che è impossibile che normali chiamate con telefoni cellulari possano mai essere state fatte dagli aerei dell'11 settembre 2001 come pretende la storia ufficiale di quel giorno.

E' semplicemente impossibile che ciò sia accaduto, specialmente in un' area rurale, per molte ragioni che ora vi spiegherò.

Quando fate una chiamata con un telefono cellulare, la prima cosa che succede è che il vostro telefono ha bisogno di contattare un trasmettitore. Il vostro telefono ha una potenza massima di trasmissione di cinque watt. Tre watt è attualmente la norma. Se un aereo viaggia a cinquecento miglia all'ora il vostro telefono non sarà capace, prima di superare il range di 5 watt, di:
1) contattare una torre,
2) dire alla torre dove siete e qual è il vostro provider,
3) dire alla torre in che modo volete comunicare e
4) stabilire che è in un'area di roaming.
Questa procedura, chiamata “electronic handshake” [stretta di mano elettronica] richiede circa 45 secondi per essere completata da un telefono cellulare a partire dall'accensione iniziale in un'area di roaming perchè né il cellulare né il trasmettitore della cella sanno dove si trova il telefono e che modalità usa quando viene acceso.
A 500 miglia all'ora (la velocità media tenuta dagli aerei dell'11 settembre), prima che possa avvenire l'handshaking l'aereo percorre tre volte la distanza alla portata del trasmettitore da cinque watt del cellulare.
Sebbene sia a volte possibile connettersi durante il decollo o l'atterraggio, in una situazione come quella dell'11 settembre 2001 le chiamate non erano possibili.

Le telefonate effettuate da passeggeri del volo UA-93 sono false, senza "se" o "ma".




Spero di essere stato chiaro, se avete delle domande risponderò se possibile.
Se non rispondo informatevi voi stessi, cercate nel sito della Boeing, cercate il sito della DARPA [“Defense Advanced Research Projects Agency”, Agenzia per i Progetti di Ricerca Avanzata per la Difesa], cercate dove non avete cercato prima. Alcune delle informazioni sono classificate e fatte trapelare da alcuni, e vengono anche cancellate dalla rete. Io conservo tutti i documenti originali sul mio computer per salvaguardarmi da ciò.

Per piacere non ignorate queste questioni come se non esistessero.
Dato che solo il Norad ha i codici di volo per quegli aerei, l'11 settembre ce lo siamo fatto da soli, noi americani.
Hitler ebbe il Reichstag, noi abbiamo l' 11 settembre.
E se anche non si dimostra sufficiente per convincere i cittadini americani a mettere da parte i loro diritti per la loro presunta sicurezza, la gente che ha fatto l'11-9 ha comunque accesso a materiale nucleare. L' 11-9 deve essere mostrato per ciò che realmente è prima che quel materiale venga usato.


Jim Heikkila.
[Specialista in guerra elettronica, intercettazione, elaborazione segnali strategici e sistemi di archiviazione dati.]


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Fonte: www.viewzone.com/911revisited.html
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ALCENERO (Marcoc).
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

PERCHE' DUBITARE DELLA VERSIONE UFFICIALE CHE CI E' STATA RACCONTATA?


La versione ufficiale degli attentati dell'11 settembre 2001 in breve è questa:

L'11 settembre 2001, diciannove terroristi arabi suicidi pieni di un generico odio verso la libertà e la democrazia americana hanno dirottato (armati di taglierini) quattro aerei di linea (per la precisione due Boeing-757 e due Boeing-767 della American e della United Airlines) e ne hanno fatti schiantare due contro le Torri Gemelle del World Trade Center (WTC) di New York, che sono poi crollate in un modo che se davvero non ha impiegato esplosivi allora ha violato varie leggi fisiche, e un terzo contro il Pentagono, per mostrare la propria devozione ad Allah e punire il blasfemo impero capitalista americano.

Il quarto (il volo UA-93) a quanto ci è stato riferito si è schiantato al suolo nella Pennsylvania occidentale, dopo che i passeggeri hanno contrastato i terroristi, li hanno sopraffatti e in un gesto di eroismo si sono sacrificati schiantandosi in un campo deserto per evitare altre morti.

Poi, circa sette ore dopo il crollo delle Torri Gemelle, un terzo grattacielo, il WTC-7, ha deciso di crollare sulla propria pianta in sei secondi e mezzo, anche lui violando varie leggi fisiche (se davvero non sono stati usati esplosivi, altrimenti è stata una normale demolizione controllata).

Due giorni dopo questi avvenimenti, l'FBI ha tirato fuori dal cilindro, in modo tuttora imprecisato, i nomi e le identità dei 19 dirottatori e del mandante, tale Osama bin Laden, e da allora quell'uomo e quei diciannove volti sono per tutto il mondo i colpevoli del più grande attentato terroristico della storia (nonostante lui abbia sempre negato ogni coinvolgimento e si sappia da anni che in realtà molti dei cosiddetti dirottatori sono probabilmente ancora vivi e del tutto estranei alla vicenda).


Perché dubitare di questa versione?


Perché è assurdo, contraddittorio, illogico o proprio impossibile:


Che l'FBI sia stata in grado di identificare tutti e diciannove gli attentatori (cosiddetti "suicidi" ma in realtà mica tanto) in meno di 48 ore, fornendo tanto di fotografia per ciascuno (per alcuni addirittura due), nonostante almeno la metà di loro fosse del tutto sconosciuta alla autorità stesse, al momento degli attentati, per loro stessa ammissione.
.

Che Osama bin Laden abbia ordito questa macchinazione infernale, la cui preparazione sarebbe durata cinque anni,
a) puntando tutto sulla totale inesperienza dei suoi piloti/dirottatori,
b) nonostante non avesse nessun vero motivo per farlo (a parte un imprecisato "odio per la democrazia americana"),
c) non abbia infatti mai rivendicato gli attentati,
d) chi ne ha tratto ogni vantaggio sia stata la stessa amministrazione che lui voleva colpire, per quanto ne conoscesse alla perfezione progetti geopolitici e interessi specifici.
.

Che le autorità americane, che hanno voluto mostrare infinite volte l'impatto degli aerei nelle Torri, non abbiano mai presentato al pubblico una sola immagine dell'aereo che si avvicinava al Pentagono (a parte questo e questo ridicoli filmatini che mostrano tutto tranne un boeing 757), quando:
a) oltre 80 telecamere avrebbero dovuto filmarlo (e almeno 4 da distanza ravvicinata),
b) si sa per certo che di almeno due di questi nastri siano stati sequestrati dall' FBI (fonte), e che 80 vengono tenuti segreti senza essere rilasciati con la scusa che "tanto non mostrano nulla".
c) l'estrema scarsità di rottami del 757 (vedi qui, qui, qui e qui) sia forse l'elemento principale su cui si fondano tutte le accuse rivolte all'amministrazione.
.

Che parimenti non abbiano saputo mostrare nessuna immagine di video-security dei dirottatori all'imbarco dei rispettivi voli (ma solo sfocate immagini dei giorni precedenti), quando i dubbi sulle loro identità sono forse il secondo punto debole dell'intera versione ufficiale.
.

Che Mohamed Atta e Aziz Alomari, dopo anni di accurata preparazione, abbiano rischiato di vanificare la loro intera missione, andando a cercarsi - senza motivo apparente - una coincidenza aerea talmente stretta, che ha nel frattempo permesso agli investigatori di venire in possesso di preziosi elementi per l'indagine.
.

Che un dirottatore in procinto di morire spedisca alla propria fidanzata - con la quale sta da 5 anni - una lettera-testamento in cui si autoaccusa, dei manuali di volo (?!) e una copia del Corano (?!), sbagliando il suo indirizzo, ma si ricordi in compenso di mettere l'indirizzo del motel in cui alloggia, così che in caso di disguido postale il pacco possa ritornare al mittente (come poi è avvenuto, e gli investigatori ne sono entrati in possesso e lo hanno usato come prova: che fortuna! Fonti: Guardian e BBC). E in genere che un po' tutti i dirottatori, attenti e precisi come dovevano essere, abbiano saputo disseminare lungo il loro percorso soltanto copie del corano, carte di credito, documenti con le istruzioni per i morituri e manuali di volo in quantità industriali (fonte: CNN). Il ministro tedesco Von Bulow riassume bene questa ridicola situazione.
.

Che i suddetti dirottatori siano stati inoltre tanto irresponsabili da ubriacarsi la sera prima degli attentati (tanto un Boeing si pilota anche senza mani, no?), nonostante non potessero bere alcool in quanto musulmani, e da scordarsi, guarda un po' il caso, una copia del Corano nello strip bar in cui erano andati. Quindi abbiamo dei musulmani, per giunta estremisti, misogini e puritani all'ennesima potenza, che si ubriacano (!) in uno strip bar (!!) e poi si scordano lì il loro libro sacro - per cui sono pronti a suicidarsi - come se non avesse la minima importanza (!!!). (Fonte)
.

Che ben quattro piloti dilettanti, nemmeno tutti provvisti di licenza, con una pessima reputazione alle scuole di volo (tra l'altro per piccoli aerei da turismo e non per grandi aerei commerciali), e che non si erano mai seduti prima ai comandi di un 757 o di un 767, siano stati perfettamente in grado di prenderne possesso in quota, di guidarli con sicurezza senza commettere il minimo errore, di orientarsi in cieli in cui non hanno mai volato (alcuni di loro non avevano mai volato del tutto), di trovare bersagli a centinaia di miglia di distanza e di centrarli con freddezza e precisione. Il tutto evitando la contraerea statunitense per più di un'ora e mezza in totale.
Uno di loro in particolare, Hani Hanjour, avrebbe fatto tutto questo compiendo alla fine una spettacolare cabrata di cui è capace solo un caccia militare, e poi una manovra di approccio (al Pentagono) tanto illogica quanto aerodinamicamente impossibile (vedi qui) per aerei di quelle dimensioni.
.

Che di otto piloti su otto - due piloti e copiloti della American, altrettanti della United - nemmeno uno abbia fatto in tempo ad azionare il segnale di emergenza che indica a terra un dirottamento in corso. Corrisponde al pulsante che gli impiegati di banca hanno sempre a portata di mano per segnalare alla polizia un'eventuale rapina. Questa mancata segnalazione ha permesso alle autorità di allungare considerevolmente il periodo di tempo in cui possono sostenere di "non aver capito" che si trattasse di dirottamenti e giustificare così l'inattività dell'aviazione. Ma in realtà, dopo il primo dirottamento accertato, avrebbero dovuto comunque reagire immediatamente allo spegnimento del transponder (fra l'altro inspiegabile anch'esso) negli altri tre. La cosa invece non è avvenuta.
.

Che 19 dirottatori, che volano a centinaia di miglia di distanza l'uno dall'altro senza essere diretti da una regia esterna, siano in grado di compiere una determinata manovra in perfetta coordinazione con quella di un altro (nel preciso in cui uno si schiantava, l'altro spegneva il transponder), pur essendo partiti da scali diversi, in orari diversi da quelli previsti, ed essendo impossibilitati a comunicare direttamente (cellulari e ricetrasmittenti non funzionano a quella quota e a quella velocità).
.

Che abbiano scelto in primo luogo una strategia così assurda, attendendo che ciascuno colpisse il suo bersaglio prima che l'altro entrasse in azione, con due di loro (vedi qui e qui) che si sono addirittura allontanati di 300 miglia dal bersaglio che già avevano a portata di mano. Una strategia che avrebbe potuto funzionare solo nel caso di un improvviso quanto improbabile stallo totale della difesa aerea americana. Che poi è "miracolosamente" avvenuto.
.

Che la difesa aerea più sofisticata del mondo sia andata così convenientemente in stallo proprio in quelle due ore cruciali, non riuscendo in nessun modo a fermare, o anche solo ad abbordare, neanche uno dei 4 aerei.
.

Che altrettanto convenientemente fossero in corso, proprio in quelle ore e in quei cieli, molte esercitazioni militari assolutamente identiche a ciò che stava davvero avvenendo ai quattro aerei dirottati. Questo infatti ha contribuito non poco ad aumentare il già notevole disorientamento dei controllori, civili e militari, causato da una serie di ordini contraddittori di cui non si è mai conosciuta l'origine. (Fonte)
.

Che di questo imbarazzante stallo non sia stata mai fornita nessuna spiegazione, nè risulti che sia stato punito o individuato un solo responsabile per quanto avvenuto. (Di solito, in situazioni come questa, avviene l'esatto contrario: si trova d'urgenza un capro espiatorio da dare al più presto in pasto ai media.) Anzi, assurdamente è avvenuto proprio il contrario: i maggiori responsabili di una tale negligenza sono stati tutti promossi, dopo l'11 settembre 2001, come se il loro lavoro lo avessero fatto alla perfezione (e forse è proprio così, in un certo senso)!
.

Che molti passeggeri abbiano compiuto telefonate in volo coi loro cellulari, quando questo si è dimostrato tecnicamente impossibile.
.

Che di un aereo schiantatosi al suolo, e ufficialmente non abbattuto in aria (UA-93), si possano trovare rottami e resti per un raggio di circa 8 miglia (13 Km) ma nessun rottame sul luogo dello schianto.
.

Che le autorità americane e il NIST, l'organo che ha svolto le indagini scientifiche ufficiali, abbiano sostenuto - e continuino a sostenere - che il WTC-7 sia crollato per conto proprio, a causa del calore degli scarsi incendi che si erano sviluppati, quando sono state smentite dallo stesso padrone del WTC Plaza, Larry Silverstein (che sembra averne ammesso pubblicamente la demolizione controllata, quando ancora nessuno dubitava della versione ufficiale), e da molti esperti di demolizioni. Senza contare le innumerevoli prove che indicano che non può fisicamente essere stato un crollo spontaneo, e che deve per forza essere stata una demolizione deliberata.
.

Che le stesse autorità sostengano che le Torri Gemelle siano crollate per il solo impatto degli aerei e per i conseguenti incendi, quando:
a) il progetto prevedeva chiaramente che avrebbero potuto assorbire l'impatto di più di un grosso jet commerciale, come spiega in un'intervista lo stesso manager del progetto, Frank de Martini,
b) per spiegarne il crollo spontaneo verticale e simmetrico sia necessario violentare oltre ogni limite le leggi della fisica e ignorare le proprietà di dispersione del calore dell'acciaio,
c) i reperti visivi e le testimonianze dirette degli stessi pompieri siano pesantemente a favore della demolizione controllata, così come le molte analisi ingegneristiche (vedi ad esempio qui e qui),
d) i crolli delle Torri Gemelle e del WTC-7 presentano tutte le caratteristiche delle demolizioni controllate e nessuna dei crolli spontanei, e
e) sono state ritrovate tracce di nano-thermite nelle macerie, una sostanza incendiaria talmente avanzata da richiedere l'uso di nanotecnologia per essere creata e che non può essersi formata da sola.
.

Che ulteriori leggi della fisica siano state sospese, permettendo a dei passaporti di normale cartoncino di sopravvivere a una esplosione a circa 800 gradi centigradi, e che questi passaporti appartenessero proprio a dei dirottatori e siano stati trovati casualmente proprio da agenti dell'FBI. Cosa che, oltre che al WTC, è successa anche per il volo UA-93, nel qual caso sono state trovate moltissime cose appartenenti ai dirottatori in condizioni incredibilmente buone, ma, stranamente, nessun rottame riconoscibile di aereo. Guardate una foto ad alta definizione del magico passaporto trovato al WTC: il mio è in condizioni peggiori, e non si è trovato in mezzo allo schianto di un aereo contro un grattacielo.
.

Che il Pentagono sia stato colpito da un Boeing 757 (pesante circa 100 tonnellate, lungo 47 metri e largo 38) carico di passeggeri e carburante (circa 20 tonnellate di kerosene), nonostante:
a) alcune fotografie, la cui autenticità è fuori dubbio (perché usate anche dal Pentagono stesso come prova), mostrino in maniera disarmante la quasi totale assenza dei suoi resti.
b) sulla facciata ancora integra del Pentagono risulti solo un foro di entrata di non più di 6-7 metri x 12-13 (basta tenere conto che le finestre sono alte circa 1,8 metri),
c) molte finestre di quella facciata avessero ancora i vetri intatti, dopo l'impatto,
d) esista un foro d'uscita, di circa 3 metri, all'interno del terzo anello del Pentagono, la cui origine non è mai stata spiegata da nessuno, e che rimane a tutt'oggi assolutamente incomprensibile, e
e) perfino delle valutazioni professionali di ingegneri meccanici affermano la completa incompatibilità dei danni sulla facciata con lo schianto di un Boeing 757.
.

Che nonostante la quasi totale scomparsa dell'aereo sia stato possibile recuperare e identificare i resti di quasi tutti i passeggeri, compresi quelli dei dirottatori. Ovvero che acciaio e alluminio brucino, ma la carne umana no.
.

Che già neanche 15 minuti dopo che il secondo aereo aveva colpito il WTC veniva indicato il nome di Bin Laden quale mandante degli attentati, e senza presentare alcuna prova (che tuttora non è stata presentata, a parte i video-confessione già ampiamente smentiti).
Un tempo davvero record per la risoluzione delle indagini: mai nella storia delle investigazioni su questioni di terrorismo internazionale c'è stata una soluzione del caso nell'ordine di minuti, doppiamente incredibile se unita all'ammissione ufficiale delle autorità investigative Usa secondo cui fino al momento degli attentati si sarebbero fatte trovare completamente all'oscuro ed ignare di tutta la trama pluriennale del complotto.
.

Che le parole di Van Romero (uno dei massimi esperti in materia, vice-presidente del New Mexico Tech Institute, già direttore del "Energetic Materials Research and Testing Center" che studia gli effetti delle esplosioni controllate degli edifici), pronunciate poche ore dopo gli attentati: "La mia opinione è che dopo l'impatto degli aerei con le Torri ci siano state alcune cariche esplosive piazzate all'interno degli edifici che hanno provocato il collasso delle Torri", siano completamente false, e che abbia mentito per qualche motivo, pur non avendo nulla da guadagnare (e tutto da perdere, anzi) contraddicendo la versione ufficiale del governo USA.
Questa ipotesi è inoltre avvalorata dai dati sismografici (vedi ad esempio quelli della Columbia University qui e qui). Sono state infatti registrate due scosse di magnitudine 2.1 e 2.3 (di gran lunga troppo elevate per semplici crolli spontanei) al momento esatto dell'inizio dei crolli delle due torri, PRIMA che i primi blocchi e le prime macerie impattassero a terra. Questo sembra indicare l'impiego di potenti esplosivi appena prima del crollo delle Torri.
.

Che sia solo un'incredibile coincidenza che i militari americani stessero predisponendo piani di guerra contro l'Afghanistan già da mesi prima degli attentati dell'11 settembre. Forse stavano cercando qualche evento che spingesse il pubblico americano, generalmente disinteressato, verso una guerra, come avvenuto in passato (vedi precedenti storici all'11 settembre) e come progettavano di fare anche negli anni '60?
.

Che documenti cartacei e passaporti che incriminavano Bin Laden e i suoi 19 dirottatori siano stati ritrovati intatti presso le rovine del WTC e di UA-93, mentre le scatole nere degli aerei delle Torri - progettate appositamente per resistere ad ogni tipo di incidente - erano danneggiate al punto da risultare inutilizzabili. Dovrebbero costruirle dello stesso materiale dei passaporti arabi.
.

Che anche a distanza di giorni e persino di settimane dagli attentati al WTC agli operatori video sia stato proibito di riprendere o fotografare le macerie da determinate angolazioni, così come lamentato dal corrispondente della CBS Lou Young, il quale ha chiesto: "Cos'hanno paura che vediamo?"
.

Che un piano terroristico così sofisticato, che ha implicato sicuramente molte persone e una preparazione di almeno cinque anni, sia riuscito a sfuggire a tutti i servizi di intelligence, in particolare CIA ed FBI. E che invece di destituire i responsabili di questo fallimento li abbiano promossi, e invece di ristrutturare completamente queste agenzie abbiano raddoppiato il loro budget.
.

Che la Torre Sud del WTC sia crollata per prima quando era meno danneggiata della Torre Nord, che era stata colpita in pieno ed è bruciata per molto più tempo prima di crollare.
.

Che i molti testimoni che affermano di aver sentito ulteriori esplosioni all'interno degli edifici del WTC stiano tutti mentendo per qualche strano motivo. E perché la distruzione delle Torri è sembrata più una implosione controllata che un cedimento spontaneo (vedi qui per le molte ed evidenti differenze tra un crollo spontaneo e una demolizione controllata, spiegate nel dettaglio anche da molti ingegneri)?
.

Che anche il Ministero degli Esteri dell'Arabia Saudita e i vari giornali che hanno pubblicato la notizia abbiano mentito, quando hanno comunicato che alcuni dei presunti dirottatori non si trovavano a bordo degli aerei dirottati e di fatto sono tuttora in vita. Perché questi nomi si trovano ancora sulla lista dell'FBI? E perchè, se come hanno sostenuto alcuni si tratta di casi di omonimia, hanno anche le stesse facce, gli stessi dati anagrafici, gli stessi titoli di studio e gli stessi lavori dei presunti dirottatori? Sono tutti sosia perfetti e contemporaneamente anche omonimi, con in più una vita identica a quella dei dirottatori? C'è la stessa probabilità di vincere cento volte di fila alla lotteria. Senza comprare il biglietto.
Se invece i veri dirottatori hanno rubato nomi e identità a quei 19 uomini, allora non si capisce perché l'FBI continui ancora oggi ad indicare quei 19 uomini innocenti come colpevoli, perché continui a ripetere una versione dei fatti falsa, e soprattutto perché non abbia fatto niente per trovare i veri colpevoli.
.

Che, con tutte le scuole di volo presenti in America, subito dopo gli attentati gli agenti dell'FBI siano andati precisamente in quelle dove si sarebbero addestrati i dirottatori, a colpo sicuro, e abbiano indovinato quali scuole fossero "per pura fortuna" (parole loro: "we got lucky").
.

Che uno dei dirottatori citati si sia portato un bagaglio per un volo suicida e lo abbia poi lasciato nella sua macchina all'aeroporto assieme ad una lettera che lo indicava come colpevole, ai soliti manuali di volo e alla solita copia del Corano.
.

Che l'America abbia bombardato l'Afghanistan e l'Iraq quando i dirottatori non erano né afghani né iraqeni, ma arabi provenienti da vari paesi mediorientali. E' come se la Francia facesse un attentato alla Russia ed essa per tutta risposta bombardasse l'Italia. Non ha senso, a meno che l'attentato non sia solo un pretesto per attuare piani che erano pronti già da molto prima e per poter attaccare chiunque e dovunque, a prescindere dalla sua nazionalità, solo in virtù del sospetto che si tratti di terroristi o di gente che favorisce dei terroristi.
.

Che i terroristi siano riusciti a ottenere i segretissimi codici e segnali della Casa Bianca e dell' Air Force One - pretesto per sballottare il Presidente Bush per tutto il paese l'11 settembre, mente intanto Cheney prendeva in mano la situazione e faceva i suoi comodi (dettagli e fonti).
.

Che i testimoni che hanno parlato di un secondo aereo non identificato che seguiva il volo UA-93 (quello che sarebbe precipitato al suolo in Pennsylvania per una coraggiosa ribellione dei passeggeri) e di palle di fuoco esplose in aria stiano tutti mentendo per qualche misterioso motivo, e che un aereo che si schianta al suolo spedisca rottami fino a 13 Km di distanza e faccia solo una buca di una quindicina di metri al suolo, non lasciando inoltre nessun rottame riconoscibile all'interno di essa o nelle sue vicinanze.
.

Che i notiziari abbiano descritto alcuni passeggeri del volo UA-93 mutilati e con la gola tagliata con dei taglierini (fonte), mentre la rivista "Time" del 24 settembre 2001 ha riportato che uno dei passeggeri ha chiamato a casa col cellulare per riferire: "Siamo stati dirottati, ma ci stanno trattando gentilmente".
.

Che gli occasionali messaggi video di Osama bin Laden siano stati dichiarati completamente e sicuramente FALSI da un istituto svizzero che si occupa di autenticare materiale audiovisivo, ma che continuino a venire comunque considerati prova della colpevolezza di Bin Laden e vengano usati come motivazione per invadere e depredare qualunque nazione gli USA vogliano, nonostante Bin Laden abbia negato più volte di aver avuto qualcosa a che fare con gli attacchi dell'11 settembre 2001 (e non si è mai visto un terrorista che prima fa un attacco e poi non lo rivendica. Di solito avviene il contrario: molti gruppi terroristici cercano di prendersis il "merito" di ogni attentato, e le forze dell'ordine hanno un bel daffare a distinguere la vera rivendicazione da quelle false).
.

Che, nonostante i crolli perfettamente verticali e simmetrici di edifici siano un evento talmente difficile da realizzare che solo poche compagnie di demolizioni controllate al mondo ci provano, e sia una cosa che comunque richiede sempre settimane o mesi di accurata pianificazione, l'11 settembre 2001 siano avvenuti ben tre crolli verticali e simmetrici del tutto spontanei, tutti lo stesso giorno e allo stesso identico modo, cosa che è stata più volte e dichiarata IMPOSSIBILE dal punto di vista matematico e fisico da centinaia di ingegneri e architetti.
.

Che le tracce di nano-thermite ancora attiva ritrovate nelle macerie delle Torri Gemelle, una sostanza incendiaria in grado di sviluppare oltre 2.500 °C (l'acciaio fonde a 1.538 °C) e che è talmente avanzata da richiedere l'impiego di nanotecnologia per essere creata, sia comparsa da sola per magia durante i crolli, nonostante lo scienziato che l'ha ritrovata, Niels Harrit, affermi che una cosa del genere è del tutto impossibile, e che la nano-thermite non avesse alcun motivo di trovarsi negli edifici a meno di non essere stata usata per demolirli.
.

Che le migliaia di scienziati, ingegneri, fisici, studiosi e professionisti di ogni tipo che si sono riuniti in varie associazioni contrarie alla versione ufficiale si sbaglino tutti quanti nel ritenerla fisicamente impossibile, e che le migliaia di studi, analisi, testimonianze e prove raccolte in questi anni da queste associazioni siano tutte false o errate. (E' disponibile una playlist Youtube con videointerviste ad alcuni di questi esperti in cui spiegano perché non credono alla versione ufficiale dell'11 settembre).



Tutti questi punti elencati (tratti da luogocomune.net, da disinformazione.it e in alcuni casi aggiunti da me) sono assurdi, illogici, contraddittori o semplicemente impossibili.

Queste incredibili incongruenze risultano molto sospette, soprattutto considerando che ad oggi non è stata fornita al mondo una sola prova autentica che leghi bin Laden o la sua presunta organizzazione agli attentati di quel giorno, e che diversi personaggi al vertice dell'amministrazione (John Ashcroft, Ministro di Giustizia, Theodore Olson, Procuratore Generale, Donald Rumsfeld, Ministro della Difesa) hanno ripetutamente dichiarato che è assolutamente lecito, per un governo, mentire al mondo intero - nemici e amici - pur di raggiungere i propri fini.

Ricordiamo inoltre che in questi anni nessuno ha mai saputo rispondere alle 12 DOMANDE che abbiamo rivolto ai sostenitori della versione ufficiale. Perché, se i nostri dubbi sono davvero privi di senso come dicono?

Ecco perchè moltissima gente, come potete vedere nell'immagine qui sotto, dubita della versione ufficiale che ci hanno raccontato a proposito dell'11 settembre. Ed ecco perchè bisogna farsi parecchie domande.

xoomer.virgilio.it/
[Edited by (richard) 9/12/2011 2:03 PM]
9/12/2011 4:51 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Per quanto mi riguarda mi dissocio dalle tesi complottistiche



Mi dissocio dai complottisti, che vedono intrighi ed inganni dappertutto.
Mi dissocio dagli anti americanisti, che vedono invasioni e trame dappertutto.
Mi dissocio dai perbenisti, che si ritengono il meglio del meglio e pretendono sempre l'ultima parola.
Mi dissocio dalle sinistre in generale, che ritengono il loro sistema migliore del mondo, mentre quello degli altri è solo ... imperialista.
Mi dissocio da quelli che non capiscono il dolore di un popolo che si riteneva il più libero al mondo e che si è ritrovato sotto assedio per colpa dell'estremismo islamico.
E naturlamente, mi dissocio da chi caparbiamente ritiene che un popolo fiero, come quello degli Stati Uniti d'America, abbia subìto e taciuto (secondo loro) un simile complotto tramato alle loro spalle.
Ritengo l'America sotto attacco e il resto del mondo, sotto attacco ...
E mi dissocio da chi ritiene gli Stati Uniti d'America essere il male a prescindere .

E con questo voglio omaggiare tutte le vittime dell'attentato; attentato che di riflesso è stato fatto alla nostra civiltà ed in quello in cui crediamo.
Tutto il resto è speculazione di "avvoltoi" ...


















OFFLINE
Post: 15,152
Registered in: 9/23/2009
Gender: Male
[IMG]http://i47.tinypic.com/vgr2v7.png[/IMG]
Utente Master
9/12/2011 7:59 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ufologo, condivido ogni singola lettera del tuo post! [SM=g1420767] [SM=g2201355]
Forse un tempo, anni fa, credevo anche io al complotto.
Ora, da un po' di tempo, ho imparato a guardare con occhi diversi queste vicende e non credo più al complotto.
Onore ai caduti dell'attacco al World Trade Center.
Un'altra cosa:
molti non si rendono conto che Bin Laden, l'11 settembre, non ha attaccato solamente l'America ma il mondo occidentale in generale.
Queste persone forse non sanno che Al Qaida ha compiuto attacchi micidiali dopo l'11 settembre anche in Spagna e a Londra.
Chiamatemi e dite pure quello che volete sulle mie idee guerrafondaie ma non cambierò mai idea sulle guerre in Afghanistan e Iraq:
se la sono cercata! [SM=g1950686]
9/12/2011 8:06 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Concordo



OFFLINE
Post: 5,607
Registered in: 5/18/2011
Gender: Male
[IMG]http://i47.tinypic.com/vgr2v7.png[/IMG]
Utente Master
9/12/2011 8:23 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

sono concorde con voi che i governi fanno un po come vogliono nel senzo che se la cantano e se la suonano come vogliono ....

pero' mi domando come mai ci sono cosi tante versioni complottistiche ?

e poi una cosa molto importante per me', ma gli aerei li quidavano dirottatori della CIA , ho dirottatori di al qaida ? io penso di al qaida , che quarda caso si sono anche proclamati autori di tutto con alla quida spirituale OSAMA BIN LADEN , poi certo ci sono anche versioni che BIN LADEN non sia mai esistito , ma vi consiglio di non andarlo a dire a qualcuno di al quaeda questa cosa non so' se ne uscireste vivo [SM=g2201342] ... poi si dice che gli aerei erano ologrammi e tante altre belle cose , anche che gli asini volino perche no' ... (basta che siano alieni EEE)

poi quello che viene dopo diventa un altro discorso , si sono abbattuti diritti di privacy interni ed esterni all america che difficilmente sarebbero passati prima , si sono fatte guerre , che sicuramente sono state spinte come quella dell iraq in modo truffaldino e speculativo , e per me' lunica cosa che non torna e' l'ultimo aereo , per me' giustamente abbattuto ma mai rivelato per non turbare l'opinione pubblica ,l'unico che per tempo fosse stato possibile intercettare , gli altri se non hai dischi volanti a velocita iperboliche come azzarola facevi ad intercettarli ? voli interni civili che virano la loro rotta poco tempo prima di impattarsi , insomma poi tutto puo essere per carita' ma la vedo masochistica sta cosa di gridare al complotto oltre ad essere illogica [SM=g1950677]


quoto ufologo quoto
[Edited by KOSLINE 9/12/2011 8:26 PM]
OFFLINE
Post: 34
Registered in: 8/31/2011
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Matricola
9/12/2011 9:25 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
filovirus59, 04/09/2011 08.25:

quando si scoprirà la verità..... o meglio, quando verrà resa pubblica, ci sarà da ridere tra CIA, NSA e FBI.






La realtà è di gran lunga più complessa di quella che dipingiamo con le nostre certezze.

Ho copiato questa frase a Fabik,cui chiedo venia,ma esprime trooooppo bene e compiutamente cio' che purtroppo penso!

[SM=g2201341]




9/13/2011 11:34 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Certamente è complessa, però, a questo punto è meglio che ci "spariamo" in fronte allora ...(Tanto più se non riusciamo a cambiare mai nulla!)




OFFLINE
Post: 5,557
Registered in: 10/20/2010
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/13/2011 12:52 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ogni paese da quel giorno ha perso la fiducia negli altri, è anche per quello che l'economia mondiale và male(penso io).

Bisogna ripartire da capo e ricostrire una nuova storia ben sapendo che tra un paese e l'atro c'è sempre chi traffica cose sporche e haimè forse ci sarà sempre.

Sono daccordo anch'io con Thomas quando le buone maniere e la politica non bastano più allora bisogna usare perforza di cose la forza , altrimenti c'è il rischio che il problema si propaghi e contagi anche gli altri paesi. [SM=g2201354]

[Edited by IRONMAN.75 9/13/2011 12:53 PM]
OFFLINE
Post: 14,923
Registered in: 10/16/2007
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/13/2011 12:54 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Le teorie complottiste sono appunto "teorie" suffragate pero' da prove visive e da testimonianze di americani presenti al fatto come pompieri,poliziotti e addetti ai lavori,i quali vorrebbero loro per primi credere alla versione ufficiale ma che per loro conoscienza tecnica di determinati accadimenti trovano continue incongruenze tra fatti e cause che li hanno determinati.
OFFLINE
Post: 14,923
Registered in: 10/16/2007
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/24/2011 11:28 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

11 SETTEMBRE: LE VERITA' NASCOSTE

Sono ancora molti gli aspetti dell'11 Settembre cui ad oggi non sono state date risposte accettabili. 22 esponenti internazionali si sono riuniti nel Consensus 9/11 Panel per avviare un confronto: sul tappeto sono rimaste 13 domande che demoliscono la versione ufficiale

La battaglia per la verità sull'11 settembre (2001) è in un momento di svolta piuttosto interessante. Si è costituito il Consensus 9/11 Panel che raccoglie 22 esponenti internazionali, esperti, scienziati, ricercatori, militari, piloti, filosofi etc.
Lo scopo primario è stato quello di verificare, appunto, il grado di consenso tra queste diverse persone, attorno a una serie di questioni cruciali sulle quali la versione ufficiale (meglio sarebbe dire le differenti versioni ufficiali) non forniscono risposte accettabili, oppure non forniscono affatto risposte, oppure forniscono risposte palesemente false al primo esame.
Scopo secondario - ma niente affatto ininfluente - è mostrare al grande pubblico che coloro che si occupano di queste cose non possono essere né (s)qualificati come malati di mente, né come sprovveduti. Bastano i curricula che si trovano sul sito per smontare sia la prima che la seconda ipotesi.

Per chi non avesse tempo di andare a vedere chi sono questi 22, anticipo che chi scrive ne fa parte, insieme a un altro italiano, Massimo Mazzucco, che può essere considerato uno dei più informati analisti del problema e che è autore di diversi film. Ma gli altri esperti sono la dimostrazione vivente che la questione 11 settembre non può essere archiviata. Tra essi citerò Robert Bowman, ex capo del Dipartimento di Ingegneria Aeronautica dell'Istituto di Tecnologia della US Air Force; David Chandler, fisico e matematico della California Polytechnic University; Dwain Deets, ex direttore della ricerca ingegneristica, Aerospace Projects della NASA; il tenente colonnello David Gapp pilota della US Air Force on 3000 ore di volo, ex presidente del Aircraft Accident Board, per 31 anni nella US Air Force; Niels Harrit, professore associato di Chimica, Nano Science Center Università di Copenhagen; Steven E. Jones, fisico, ex professore della Brigham Young University; comandante Ralph Kolstad, ex pilota della US Navy e per 27 anni pilota di aerei civili, con oltre 23.000 ore di volo; colonnello Shelton F. Lankford, 20 anni nel US Marine Corps, pilota di combattimento con oltre 300 missioni, 32 medaglie dell'Aria; Dennis P. Mc Mahon, avvocato a New York e in Massachusetts, e altri.

Importante il metodo seguito. I punti di consenso sono stati definiti con il "metodo Delphi", spesso usato per ricerche scientifiche, particolarmente in campo medico, consistente nel consultare le opinioni di persone che non si conoscono l'un l'altra e le cui risposte sono quindi esaminabili solo in base al loro contenuto e non in base alla conoscenza di chi le ha formulate. La scelta degli interlocutori è stata effettuata da un gruppo ristretto di esperti, guidato da David Ray Griffin, che ha anche formulato le domande iniziali corredandole con un'ampia documentazione scritta e di filmati e con una esauriente bibliografia.
Il criterio del consenso è stato così formulato in base a una graduatoria i cui punti erano, per ogni domanda, i seguenti: 1) Concordo fortemente; 2) Concordo; 3) Concordo con riserva; 4) Non concordo; 5) Non concordo fortemente; 6) Sono incerto.
Le domande che hanno ricevuto valutazioni da 4 a 6 sono state eliminate.

Il risultato finale è stato che sono rimaste sul tappeto 13 domande, sulle quali il consenso dei 22 membri del panel (che sono stati rivelati solo dopo la conclusione dell'indagine) è stato di un accordo al 100% sulla seconda, terza, quinta e sesta questione. E' stato del 95% per la prima,la quarta e la undicesima: E' stato del 90% per la settima, ottava, nona, dodicesima e tredicesima.

Quali le questioni? Cominciando dalle quattro che hanno avuto il 100%. Questione 2. La "migliore evidenza" conduce a negare che Osama bin Laden fu responsabile per gli attacchi. Per diversi motivi, tra cui il fatto che l'FBI non lo ha mai incriminato per gli attentati dell'11 settembre e mai nessuna prova del suo coinvolgimento è stata portata.

Questione 3. La "migliore evidenza" non permette di confermare che le Twin Towers siano state abbattute dall'azione congiunta degl'impatti degli aerei, dal carburante dei jet, e dagl'incendi degli uffici. Numerosi rapporti scientifici negano che le temperature ottenibili con le cause sopra descritte possano superare i 1000°C, ossia temperature ben al di sotto del livello di fusione dell'acciaio. Al contrario ci sono le prove che l'acciaio delle Twin Towers si è fuso in grande quantità. E non solo. Nelle polveri sono state trovate tracce di metalli fusi (come acciaio, ferro e molibdeno) che possono arrivare a fondersi solo in presenza di temperature rispettivamente superiori a 1482 gradi Celsius; 1538 gradi Celsius; 2623 gradi Celsius.
Questione 5. La "migliore evidenza" nega la possibilità che le Twin Towers siano potute crollare, in quel modo, alla velocità di caduta libera, senza l'intervento di esplosivi. Questa ipotesi reggerebbe solo in caso di temperature non ottenibili dall'incendio del kerosene che era a bordo degli aerei. Le strutture sottostanti erano integre e non c'è possibilità che si disintegrassero, com'è avvenuto.
Questione 6. La "migliore evidenza" non permette di accettare la tesi secondo cui il WTC 7 ( la "terza torre", che crollò alle 17:20 di quel pomeriggio, senza essere stata mai colpita da alcun aereo) sia precipitato su se stesso alla velocità assai vicina a quella di caduta libera a causa dell'effetto combinato del danno strutturale subito dai detriti della torre sud, combinato con il fuoco prodotto da combustibili diesel stoccati all'interno. In primo luogo perché nessun edificio in acciaio di quel tipo è mai crollato in precedenza a causa di incendi. Le risultanze mostrano incontrovertibilmente che il tetto dell'edificio è rimasto orizzontale durante il crollo e che tutte le 82 colonne di supporto dell'edificio sono state troncate da esplosioni simultanee nel momento in cui il tetto ha cominciato a scendere.

Per non tediare il lettore diremo che le restanti 9 questioni sono altrettante mine demolitrici della versione ufficiale. Chi vorrà analizzare gli elementi che hanno portato a questo conclusioni li potrà trovare sul sito consensu911.org.

Naturalmente sarebbe interessante sentire i protagonisti della vicenda, quelli vivi, con passaporto americano in tasca, testimoniare sotto giuramento di fronte a una nuova commissione d'inchiesta, imparziale. In realtà nessuno - a cominciare da George Bush e da Dick Cheney, è stato mai interrogato sotto giuramento. Senza tenere conto del fatto che la gran parte delle conclusioni della Commissione ufficiale d'Inchiesta si basa sulle confessioni di Khaled Sheikh Mohammed, estortegli con l'uso sistematico della tortura (waterboarding). Quindi giuridicamente invalide e inutilizzabili in qualsiasi tribunale decente. Sarà forse per questo che nessun tribunale americano ha mai neppure provato a giudicare i colpevoli dell'11 settembre. E questo nel corso di ben dieci anni.

11 settembre, Consensus 9/11 Panel, Giulietto Chiesa, New York, Stati Uniti, Torri gemelle
[Edited by (richard) 9/24/2011 11:28 AM]
OFFLINE
Post: 34
Registered in: 8/31/2011
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Matricola
9/26/2011 10:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
bambino_69, 04/09/2011 21.06:

l'attacco al Pentagono, in effetti è sempre stato, sin dall'inizio, un fatto oscuro. non si capisce bene quello che è successo veramente

l'eventuale aereo kamikaze c'era davvero ? se si, è stato abbattuto in tempo oppure il kamikaze ha sbagliato mira ? è vero che un pezzo del pentagono è andato giù, ma qualcosa non torna [SM=g10034]

comunque, grandissimo rispetto per chi ci ha rimesso la pelle, sia a bordo degli aerei, sia per chi era dentro le infrastrutture centrate dagli aerei, sia dalla parte dei soccorritori [SM=g2201355]


IMMENSO RISPETTO ALLA GENTE CHE E' MORTA,IMMENSO RISPETTO.

MA C'E' QUALCOSA CHE NON QUADRA AFFATTO! [SM=g1950688]

OFFLINE
9/27/2011 9:04 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Richard, davvero non riesci a capire che questo era solo un post per ricordare le vittime Americane e NON di questo triste evento?
Per una volta accantona l'ardore politico e se credi esprimi il tuo cordoglio, altrimenti apri un post apposito.

Grazie...
OFFLINE
Post: 14,923
Registered in: 10/16/2007
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/29/2011 9:56 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Requiescant in pacem!
OFFLINE
Post: 6,149
Registered in: 11/29/2010
Gender: Male
Utente Master
Miglior Power 2013
9/4/2012 9:57 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Complottismo o non complottismo? Questo è il problema.
E' di ieri la notizia (reciclata) da parte di agenziastampaitalia che a far crollare le torri siano stati degli esplosivi nano-termite.
Anche l'articolo è stato reciclato, ma allora perchè un agenzia di questo spessore dovrebbe riportare notizie bufala e complottiste?
Cosa ne pensate?

(ASI) "Ora è ufficiale. Tracce di esplosivi di nano-termite sono stati raccolti dai detriti del WTC poco dopo il loro crollo dell'11/9/2001. Alla Brigham Young University, il professore di fisica, il dottor Steven Jones, ha fatto la scoperta dell'esplosivo insieme ad un team internazionale di nove scienziati.

Grazie quindi alle prove di laboratorio più estese, gli scienziati hanno concluso che i campioni analizzati, hanno mostrato che si tratta di esplosivi nano-termite, generalmente usati per scopi militari.

Dopo un rigoroso processo di peer-review, il loro documento è stato pubblicato nella Bentham Chemical Physics Journal, una delle riviste più accreditate negli USA e che ha approvato alcuni Premi Nobel, essendo rispettata all'interno della comunità scientifica. Primo autore dello studio è Dr. Niels Harrit di 37 anni, professore di chimica all'Università di Copenaghen in Danimarca e un esperto di nano-chimica, che dice: "Il conto ufficiale messo avanti dal NIST viola le leggi fondamentali della fisica."

Il Governo ora sa delle prove che confermano la presenza di Esplosivo Nano-Termite, utilizzati per far cadere tutte le Torri del WTC l'11 / 9".

Fonte:
www.agenziastampaitalia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=10232%3A11-settembre-ritrovato-esplosivo-nelle-torri-ora-e-ufficiale-&catid=3%3Apolitica-estera&I...

Irib italian.irib.ir/notizie/mondo/item/89983-11-settembre-ritrovato-esplosivo-nelle-torri-ora-e-u...



















OFFLINE
Post: 6,327
Registered in: 7/18/2011
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/4/2012 11:52 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Se non ricordo male sia Paolo Attivissimo che Gucumatz smontarono queste teorie corredandole di ampie documentazioni.

Il sensazionalismo aumenta le vendite e quale migliore occasione che un decimo anniversario?

Personalmente penso che non sia andata realmente come dice la versione ufficiale, ma ci sia qualcosa da approfondire ancora, di certo non credo neanche lontanamente ai vari sensazionalismi alla Mazzucco.

Probabile abbiano lasciato spazio aperto agli aerei, ricordo come fosse oggi il secondo schianto in diretta mentre stavo in un locale pubblico, la prima cosa da appassionato di geopolitica che mi balzò in mente fu, tra poco inizieranno le guerre e le restrizioni della libertà.

Non servivano poteri paranormali per intuire la trasformazione che il mondo avrebbe avuto come già capitato a Pearl Harbour, poi che si sia trattato di errori nella valutazione della sicurezza, che si sia trattato di faide intestine tra i poteri forti che abbiano portato ad un allentamento volontario di questa, oppure che gli attentatori siano stati veramente bravi forse non lo sapremo mai, il segreto militare decade dopo anni.





OFFLINE
Post: 1,968
Registered in: 6/25/2011
Gender: Male
[IMG]http://i47.tinypic.com/vgr2v7.png[/IMG]
Utente Illuminato
9/4/2012 12:27 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
eone nero, 04/09/2012 11.52:

Se non ricordo male sia Paolo Attivissimo che Gucumatz smontarono queste teorie corredandole di ampie documentazioni.











Si,ma Attivissimo è un chimico?
OFFLINE
Post: 6,327
Registered in: 7/18/2011
Gender: Male
[IMG]http://oi65.tinypic.com/2hq8bb5.jpg[/IMG]
Utente Master
9/4/2012 12:36 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Delta.Force, 04/09/2012 12.27:




Si,ma Attivissimo è un chimico?



No, come presumo non lo sia neanche Gucumatz, ma conoscendo i personaggi uno dal vivo e l'altro virtualmente non scrivono per partito preso, e dove non arrivano loro si appoggiano a luminari, è buona norma che applicano sempre non scrivere cose sulle quali potrebbero essere confutati, questa dovrebbe essere la prassi di ogni buon ricercatore.

Comunque a proposito di Jones, dato che non è tutto oro quello che luccica


www.debunking911.com/jones.htm





9/4/2012 12:36 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Onore a tutte le vittime inconsapevoli di essere state sacrificate per il bene maggiore...di alcuni.

Grazie Richard, veramente molto interessante. Avevo gia' letto diversi libri su questi fatti e concordo che molte cose non tornano....del tipo dal video della TVCC di security si evince che sul pentagono, probabilmente ci hanno lanciato un missile...

a proposito...dove sono le famose WMD che cercavano in Iraq ?? Non ci sono...mai viste, mai trovate. In compenso si sono accaparrati diversi contratti di esplorazione e produzione in giacimenti petroliferi assieme all'Italia.....

ma di cosa stiamo parlando ???
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:23 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com

Ufoonline.it offre i suoi contenuti nella nuova Fan Page di Facebook, un modo semplice e comodo per essere informati in tempo reale su tutti gli aggiornamenti della community direttamente nel tuo profilo del celebre Social Network. Se ti iscrivi gratuitamente, puoi interagire con noi ed essere informato rapidamente sulle ultime notizie ma anche su discussioni, articoli, e iniziative.