printprintFacebook

Risorse: Regolamento | Assistenza e Aiuto | Comunicazioni generali   Condividi:    
Visita il sito Ufoonline.it 
per ulteriori notizie, immagini e commenti.

Archivio + Ricerca + Opinioni + Tag + Speciali + Vostri avvistamenti 

Ricerca per anno di tutti gli articoli2010 - 2011 - 2012 - 2013 - 2014  TAG articoli archiviati sul sito:

Ufo | Marte | Scienza | Misteri | CropCircles | CoverUp | Seti | Astronomia | UfoinTv | Criptozoologia  

2012 | Sole | Interviste | Editoriali | Neo | Religione | Avvistamenti | Storia | Analisi | Luna 

Abductions | Droni | Astrobiologia | Paleoastronautica | Disastri | Complottismo | Terra


 
Previous page | 1 2 3 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Foto marziane provenienti da HIRISE

Last Update: 3/5/2014 4:30 PM
OFFLINE
Post: 15,152
Registered in: 9/23/2009
Gender: Male
Utente Master
3/28/2012 12:03 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Quest'ultima foto, con le nubi che ricoprono la superficie marziana, è davvero rara ed incredibile.
OFFLINE
Post: 5,607
Registered in: 5/18/2011
Gender: Male
Utente Master
5/17/2012 10:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ondulazioni della sabbia in un potenziale sito di atterraggio


Per atterrare sulla superficie di Marte occorre una lunga pianificazione, sulla scorta delle immagini riprese dall’orbita. Questo terreno situato ad ovest di Aeolis Planum è considerato come un possibile sito di atterraggio per una futura missione su Marte.

La superficie è relativamente piatta e su piccola scala presenta numerose creste e montagnole. Alcune di queste creste sono arcuate e formano i bordi di antichi crateri da impatto, che adesso si trovano in vari stadi di erosione e sono quasi interamente riempiti di sabbia. Tuttavia la maggior parte delle creste ha l’aspetto di ondulazioni create dal vento. Queste peculiarità sono larghe circa 10 metri e lunghe circa 100, formano piccole anse e in genere sono orientate da sud verso nord.

Le montagnole sono meno evidenti, ma potrebbero essere di formazione eolica. Il fondo della maggior parte dei crateri “più nuovi”, cioè di quelli che appaiono meno erosi dal tempo, presenta caratteristiche, piccole ondulazioni della sabbia.

Tutti i crateri sono stati soggetti ad erosione e in gran parte sono riempiti da una copertura di terriccio. Anche molte delle ondulazioni sembrano ricoperte e nascoste dal terreno. Nonostante ciò, il solo fatto che esistano questi letti rocciosi in cui l’erosione è operata dalla sabbia soffiata dal vento suggerisce che il suolo è formato da regolite (rocce e frammenti ancora più fini), smosso e a grana fine, che il vento ha potuto spostare e riorganizzare.

Si vedono pochissimi massi e quei pochi sono solo il materiale eiettato dai crateri più recenti e più grandi. Sebbene siano pesantemente erosi e ricoperti dalla polvere, questi crateri rocciosi stanno ad indicare che esiste un materiale più coeso, forse un vero e proprio letto roccioso oppure una regolite parzialmente cementata, che spunta qua e là tra la copertura del suolo. L’assenza di rocce diffusamente distribuite sul terreno, provenienti dagli impatti craterici, suggerisce che quest’area forse ha sperimentato un’estesa, e forse ancora in atto, accumulazione di terreno, oppure che le rocce superficiali sono poco solide e vengono facilmente erose dal vento e dalla sabbia da esso trasportata.

Traduzione: Roberto Gorla

fonte dati foto : www.uahirise.org/it [SM=g1950684]
OFFLINE
Post: 5,607
Registered in: 5/18/2011
Gender: Male
Utente Master
11/22/2012 11:26 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Tema scientifico: Processi di natura stagionale


Link foto alla massima risoluzione: www.uahirise.org/images/2012/details/cut/ESP_028689_1180.jpg

Le increspature sono dune coperte da ghiaccio secco, anidride carbonica ghiacciata, osservate nel tardo inverno, quando l'anidride carbonica ha iniziato a sublimare (passaggio da solido a vapore). Il modo in cui questo processo accade è abbastanza articolato e durante tale fase vengono create le macchie, i ventagli, e le striature mostrate in precedenti didascalie di altrettante immagini di HiRISE. Il luogo mostrato in questa immagine è stato già fotografato per ben tre volte negli anni :

www.uahirise.org/ESP_020276_1180

www.uahirise.org/ESP_019854_1180

www.uahirise.org/ESP_019287_1180

La scena è molto simile a un'altra osservazione perché scattata nello stesso periodo dell’anno marziano, ma ha alcune differenze in altre immagini. A volte tale monitoraggio stagionale mostra molte differenze di aspetto negli anni successivi ma dello stesso periodo dell'anno, così come avviene sulla Terra con i cambiamenti stagionali che modificano l’aspetto di anno in anno.

Traduzione: Pasquale Sciarretta

Fonte dati e maggiori info : www.uahirise.org/it/ESP_028689_1180

Ricordo che i colori della foto non sono reali ma enfatizzati. [SM=g1950684]

OFFLINE
Post: 15,152
Registered in: 9/23/2009
Gender: Male
Utente Master
11/23/2012 10:26 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Fenomeno molto interessante.
OFFLINE
Post: 3,331
Registered in: 2/24/2012
Gender: Male
Utente Master
11/23/2012 3:53 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
_Thomas88_, 23/11/2012 10:26:

Fenomeno molto interessante.




Concordo in pieno, anche se la natura è così piena di elementi da poter creare milioni di scenari fantastici, basta cambiare la formula degli elementi e il gioco è fatto [SM=g2201349]
OFFLINE
Post: 5,607
Registered in: 5/18/2011
Gender: Male
Utente Master
6/12/2013 11:31 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Flussi attivi sul pendio delle colline centrali del Cratere Hale


HiRISE sta monitorando ciò che accade sui pendii ripidi disseminati in varie regioni del pianeta in quanto, alcuni di essi, rivelano i processi geologici attualmente attivi su Marte. In alcuni casi, ci sono molti flussi stagionali sui pendii maggiormente scaldati dal Sole, suggerendo anche un ruolo importante per l'acqua nell’attività di questi flussi.

Le colline presenti nella parte centrale del cratere Hale è una delle regioni sotto monitoraggio, con migliaia di flussi stagionali che scorrono lungo i ripidi pendii appena sotto gli affioramenti rocciosi. Questi flussi creano linee relativamente scure e rossastre che si estendono poi a ventaglio su un’area ricca di sedimenti.

Queste linee di flusso si creano molto lentamente nel corso di diversi mesi, sbiadiscono e scompaiono completamente nella stagione fredda (l’inverno australe), quindi si riformano nella prossima stagione calda (la primavera e l’estate australe).

Traduzione: Pasquale Sciarretta

Fonte dati-foto e maggiori info: www.uahirise.org/it/ESP_031203_1440



[SM=g3061197]
OFFLINE
Post: 6,149
Registered in: 11/29/2010
Gender: Male
Utente Master
Miglior Power 2013
1/22/2014 9:22 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ho trovato questa foto che sembra interessante. Può essere una sorta di fiume ghiacciato?





www.focus.it/scienza/spazio/le-nuove-foto-di-marte-dal-mars-reconnaissance-orbiter-_18012014_7844...
OFFLINE
Post: 7
Registered in: 1/26/2014
Utente Junior
1/27/2014 1:49 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

A quanto pare non è un fiume ghiacciato, non bisogna farci ingannare dal colore Blu, anche perché se no ce ne sarebbero altri migliaia di rigagnoli e "letti" così.., Kos, questa che ho trovato che ti pare?
OFFLINE
Post: 15,152
Registered in: 9/23/2009
Gender: Male
Utente Master
3/5/2014 4:30 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Dune ghiacciate
La luce del sole illumina le gelide dune di Marte in questa immagine rilasciata dal team di HiRISE, la potente fotocamera a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter.
Il ghiaccio è visibile nelle ombre che appaiono con sfumature più chiare o più blu.




Fotografia per gentile concessione NASA/JPL/University of Arizona
National Geographic Italia


Wow!!!
[SM=g1950684]
[Edited by _Thomas88_ 3/5/2014 4:31 PM]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:53 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com

Ufoonline.it offre i suoi contenuti nella nuova Fan Page di Facebook, un modo semplice e comodo per essere informati in tempo reale su tutti gli aggiornamenti della community direttamente nel tuo profilo del celebre Social Network. Se ti iscrivi gratuitamente, puoi interagire con noi ed essere informato rapidamente sulle ultime notizie ma anche su discussioni, articoli, e iniziative.