printprintFacebook

Risorse: Regolamento | Assistenza e Aiuto | Comunicazioni generali   Condividi:    
Visita il sito Ufoonline.it 
per ulteriori notizie, immagini e commenti.

Archivio + Ricerca + Opinioni + Tag + Speciali + Vostri avvistamenti 

Ricerca per anno di tutti gli articoli2010 - 2011 - 2012 - 2013 - 2014  TAG articoli archiviati sul sito:

Ufo | Marte | Scienza | Misteri | CropCircles | CoverUp | Seti | Astronomia | UfoinTv | Criptozoologia  

2012 | Sole | Interviste | Editoriali | Neo | Religione | Avvistamenti | Storia | Analisi | Luna 

Abductions | Droni | Astrobiologia | Paleoastronautica | Disastri | Complottismo | Terra


 
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Versa la COP2 conferenza parigi sul clima

Last Update: 12/8/2015 2:20 PM
OFFLINE
Post: 420
Registered in: 7/26/2012
Gender: Male
Utente Veterano
12/8/2015 2:20 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
Ulisse-77, 05/12/2015 11:50:

Ses che ne pensi di questo invece, è uno studio di alcuni fisici che non contesta che l'uomo sia coinvolto nel cambiamento climatico.

Il ruolo dell'uomo non è provato...dicono loro [SM=g2806964]

www.repubblica.it/ambiente/2015/12/05/news/l_appello_sul_clima_bocciato_dai_fisici_il_ruolo_dell_uomo_non_e_provato_-128823434/?ref=...




Sono d'accordo con gli interventi di Uando e Bosone, l'uomo è causa dell'inquinamento climatico non c'è discussione.


Ti consiglio la lettura di un articolo Michael Shermer della rivista “Skeptic” che spiega perchè gli scettici sul clima hanno torto. E' un articolo stupendo e molto chiaro che smonta tutte le teorie alternativa, che cmq te lo ricordo sono minoritarie.

www.scientificamerican.com/article/why-climate-skeptics-ar...



Nella storia di tutte le teorie scientifiche, c'è sempre qualche momento in cui sono sostenute solo da una minoranza di scienziati – a volte anche uno solo – prima che le prove si accumulino fino a determinarne l'accettazione generale. Il modello copernicano, la teoria dei germi, i principi della vaccinazione, la teoria dell'evoluzione, la tettonica a placche e la teoria del big bang un tempo erano idee eretiche su cui poi si è aggregato il consenso degli scienziati. Come è successo?

Una risposta può essere trovata in quella che il filosofo della scienza del XIX secolo William Whewell chiamava "convergenza di induzioni". Perché una teoria sia accettata, sosteneva Whewell, deve basarsi su più di una induzione, ossia di una singola generalizzazione da fatti specifici. Deve avere più induzioni che convergono l'una sull'altra, in modo indipendente ma congiuntamente. "La convergenza delle induzioni ha luogo quando un'induzione ottenuta da una classe di fatti coincide con un'induzione ottenuta da una classe diversa”, scriveva nel suo libro La filosofia delle scienze induttive del 1840. Questa convergenza "appartiene solo alle teorie più consolidate della storia della scienza". La si può chiamare una "convergenza di prove".

Consenso scientifico” è un'espressione che oggi si sente spesso in riferimento al riscaldamento globale antropogenico. C'è consenso sul riscaldamento globale antropogenico? C'è. Decine di migliaia di scienziati che fanno parte dell'American Association for the Advancement of Science, dell'American Chemical Society, dell'American Geophysical Union, dell'American Medical Association, dell'American Meteorological Society, dell'American Physical Society, del Geological Society of America, della U.S. National Academy of Sciences e, in particolare, il gruppo di esperti dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) concordano tutti sul fatto che il riscaldamento globale antropogenico è in effetti reale. Come mai?

Non è per il gran numero di scienziati. Dopo tutto, la scienza non è diretta da sondaggi. Come disse Albert Einstein in risposta a un libro del 1931 che esprimeva scetticismo sulla teoria della relatività ed era intitolato 100 Authors against Einstein: "Perché 100? Se fossi in errore, uno sarebbe stato sufficiente”.

La risposta è che vi è una convergenza di prove provenienti da più linee di indagine: pollini, anelli degli alberi, carote di ghiaccio, coralli, scioglimento dei ghiacciai e della calotta polare, innalzamento del livello del mare, spostamenti ecologici, aumento dell'anidride carbonica, aumento della temperatura a un ritmo senza precedenti, convergono tutti su un'unica conclusione. Quanti dubitano del riscaldamento globale antropogenico additano l'anomalia occasionale in un particolare insieme di dati, come se una incongruenza contraddicesse tutte le altre linee di evidenza. Ma non è così che funziona il consenso nella scienza. Per sovvertire il consenso, gli scettici dovrebbero trovare difetti in tutte le linee di evidenza che lo sostengono, e mostrare una convergenza di prove consistente che punta verso una teoria differente che spieghi i dati (I creazionisti hanno lo stesso problema con la teoria dell'evoluzione). E non lo hanno fatto.

In uno studio pubblicato nel 2013 sulle “Environmental Research Letters” i ricercatori australiani John Cook, Dana Nuccitelli e colleghi hanno esaminato gli abstract di 11.944 articoli sul clima pubblicati dal 1991 al 2011. Tra gli articoli che prendevano una posizione sul riscaldamento globale antropogenico, circa il 97 per cento concludeva che il cambiamento climatico è reale e causato dagli esseri umani. E il restante 3 per cento circa di studi? E se avessero ragione? In un articolo pubblicato nel 2015 su “Theoretical and Applied Climatology”, Rasmus Benestad del Istituto meteorologico norvegese, Nuccitelli e colleghi hanno esaminato quel 3 per cento, trovando "un certo numero di difetti metodologici e uno schema di errori comuni". Ossia, invece di convergere su una spiegazione migliore di quella fornita dal 97 per cento, quel 3 cento di articoli non riusciva a convergere su nulla.


"Non c'è alcuna teoria coerente alternativa al riscaldamento globale causato dall'uomo", ha concluso Nuccitelli in un commento sul “Guardian” del 25 agosto 2015. "Alcuni imputano il riscaldamento globale al Sole, altri ai cicli orbitali di altri pianeti, altri ai cicli oceanici, e così via. C'è un consenso degli esperti del 97 per cento su una teoria che è sostenuta in modo coerente da prove scientifiche schiaccianti, ma quel 2-3 per cento di articoli che rifiutano quel consenso sono sparsi e anche in contraddizione tra loro. L'unica cosa che sembrano avere in comune sono i difetti metodologici, come l'isolamento di singoli dati e la loro interpolazione, ignorando i dati scomodi e trascurando la fisica conosciuta. "Per esempio, un articolo scettico attribuiva il cambiamento climatico ai cicli lunari o solari, ma per far funzionare il modello per il periodo di 4000 anni considerato dagli autori, hanno dovuto ignorare dati validi per 6000 anni precedenti.”

Simili pratiche sono ingannevoli e quando sono esposte al controllo scettico, un elemento integrante del processo scientifico, dimostrano di non essere di alcun aiuto alla climatologia.
[Edited by ((Sestante( 12/8/2015 2:23 PM]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:09 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com

Ufoonline.it offre i suoi contenuti nella nuova Fan Page di Facebook, un modo semplice e comodo per essere informati in tempo reale su tutti gli aggiornamenti della community direttamente nel tuo profilo del celebre Social Network. Se ti iscrivi gratuitamente, puoi interagire con noi ed essere informato rapidamente sulle ultime notizie ma anche su discussioni, articoli, e iniziative.